Il diabete, quali sono le cause, i sintomi e rimedi naturali

Diabete

Il diabete è una malattia metabolica tra le più diffuse, con cause e sintomi precisi, che colpisce ogni anno circa 400 milioni di persone nel mondo e che va via via dilagando in ogni angolo della terra dando vita a terapia e rimedi naturali diversi, più o meno efficaci.

Il diabete è una malattia metabolica molto nota e tra le più diffuse. L’Organizzazione Mondiale della Sanità riporta dei dati sconcertanti: nel 2014, gli adulti affetti da questa malattia hanno raggiunto l’8,5% (422 milioni di persone) della popolazione mondiale di età superiore ai 18 anni. Solo 34 anni prima, nel 1980, la statistica mondiale sfiorava il 4,7% (108 milioni di persone) indicando un fenomeno che in tre decenni è praticamente quadruplicato.

Una curiosità ci viene, invece, fornita dalla SID (Società Italiana Diabetologia) la quale riferisce che, secondo i dati ISTAT, 3,2 milioni di persone affette da diabete in Italia abita nelle città metropolitane (14 in Italia) imputando la maggior parte delle responsabilità allo stile di vita che porta ad obesità e scarsa attività fisica.

Per verificare la presenza del diabete, è sufficiente sottoporsi all’esame diagnostico della glicemia:

  • Glicemia: 60-110 mg/dL = Normalità a digiuno
  • Glicemia: 110-125 mg/dL = Alterata glicemia a digiuno
  • Glicemia: 140-200 mg/dL = Ridotta tolleranza glicidica
  • Glicemia: >126 mg/dL = Diabete

I vari tipi di diabete vengono poi raccolti in una classificazione presentata dall’OMS nel 1997 e che prevede quattro tipi di diabete.

Misurazione diabete

La classificazione del diabete: diabete mellito di tipo 1

Il Diabete Mellito di tipo 1 racchiude quasi tutte le forme di diabete immunomediate, ovvero causate da un malfunzionamento del sistema immunitario, il quale riconosce le cellule beta-pancreatiche delle isole di Langerhans del pancreas come nemiche, aggredendole e distruggendole. Proprio per questo, tende a colpire prevalentemente bambini e adolescenti manifestandosi in maniera piuttosto rapida.

Le principali cause possono essere:

  • Un impedimento all’azione normale dell’insulina;
  • Una ridotta disponibilità dell’insulina;
  • Una combinazione delle due precedenti cause.

Una caratteristica tipica del Diabete Mellito di tipo1 è l’iperglicemia che, col passare del tempo, può condurre a patologie cardiovascolari.

Il Diabete Mellito di tipo 1 colpisce circa il 10% della popolazione affetta da diabete e presenta dei sintomi precisi:

  • Vista offuscata;
  • Cefalea;
  • Polifagia (aumento dell’appetito);
  • Poliuria (aumento dell’urina);
  • Polidipsia (aumento della sensazione di sete);
  • Stanchezza ed irritabilità.

La classificazione del diabete: diabete mellito di tipo 2

Il Diabete Mellito di tipo 2 comprende le forme di diabete causate o da un deficit della secrezione di insulina o dalla resistenza dei tessuti all’azione dell’insulina (insulino resistenza). E’ la forma di diabete più diffusa (90% dei casi di diabete) e si presenta in modo particolare con l’avanzare dell’età. I sintomi sono del tutto simili a quelli del tipo 1 e la sua origine è solitamente legata alla cattiva alimentazione, alla vita sedentaria e all’obesità che, col passare degli anni, portano ad un iperglicemia cronica che sfocia nel diabete. Questa forma di diabete colpisce prevalentemente le donne ed ha un esordio più lento, pur conducendo ad una patologia cronica.

La classificazione del diabete: il diabete gestazionale

Questa forma di diabete prende il nome proprio dal fatto che si può manifestare durante la gestazione, solitamente al termine del terzo mese quindi a ridosso della venticinquesima settimana. Questa particolare forma di diabete colpisce l’8% delle donne in gravidanza e non sempre presenta sintomi, ecco perché è stato inserito un esame del sangue, a partire dalla ventiquattresima settimana, atto a monitorare tali indici.

Il diabete gestazionale si manifesta con polidipsia, stanchezza e poliuria e solitamente rappresenta un fenomeno transitorio, anche se può evolvere in cronico.

L’aspetto più rischioso di questa forma di diabete risiede nel fatto che può influire negativamente sullo sviluppo del feto causando malformazioni, eccessivo peso del feto alla nascita e mortalità perinatale.

La classificazione del diabete: il diabete insipido

Fatta eccezione per l’aumento della sete e della diuresi, per il resto è una forma di diabete completamente diversa dal mellito.

La causa, infatti, risiede in una mancata o insufficiente produzione dell’ormone vasopressina (ADH) oppure dalla sua mancata attività a livello renale e può insorgere anche con livelli stabili di glucosio nel sangue.

Si tratta della forma di diabete meno diffusa e può manifestarsi o a causa di malformazioni congenite a livello ipotalamico ma anche come conseguenza di traumi cranici, interventi neurochirurgia e tumori endocranici.

Le regole alimentari da seguire in caso di diabete

Sono numerosi gli studi che riportano un significativo miglioramento glicemico già solo perdendo il 5-10% del peso di partenza.

Questo dato ci fa capire quanto sia importante l’alimentazione nella gestione di questa patologia.

E’ la Fondazione Veronesi ad elencare dei consigli utili da seguire:

  • 5 porzioni al giorno di ortaggi e frutta;
  • Preferire pane e pasta integrale;
  • Consumare legumi tre volte a settimana;
  • Preferire carne bianca;
  • Bere latte scremato o parzialmente scremato;
  • Ridurre il consumo di latticini e grassi;
  • Ridurre gli snack e limitare il consumo di alcolici e bibite gassate.

I rimedi naturali utili in caso di diabete

Il diabete è una patologia molto particolare che può condurre a condizioni di salute molto gravi, è pertanto necessario rivolgersi ad un medico che possa indicare il trattamento adeguato da seguire. La natura, tuttavia, ci mette a disposizione una serie di piante con effetti molto importanti sul controllo della glicemia che si presentano sul mercato sotto forma di integratori alimentari.

Una pianta nota per la sua proprietà ipoglicemizzante è la Momordica, pianta orientale che viene utilizzata nella medicina popolare proprio per controllare i livelli di glucosio nel sangue. A seguire  la Moringa oleifera, anch’essa altrettanto nota per sua attività anti-.diabete grazie all’alto potere ipoglicemizzante che induce un controllo del livello dei lipidi nel sangue. Dalle verdure (broccoli, spinaci, moringa) possiamo poi assumere l’acido lipoico, un cofattore efficace nella patologia diabetica non solo per il suo potere ipoglicemizzante ma anche per la funzione protettiva che svolge nei confronti dell’apparato cardiovascolare.

Ma non finisce qui, quando si intende utilizzare un rimedio naturale per il diabete è bene integrare anche con il Cromo picolinato, un micronutriente fondamentale per il diabetico in quanto è in grado di aumentare la sensibilità nei confronti dell’insulina migliorando la tolleranza al glucosio.

 

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori Informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close