Cellulite: i rimedi naturali per combatterla

Ritenzione idrica

Dieta, attività fisica e trattamenti estetici sono da sempre al centro di tutti i protocolli del benessere. Ma, a volte sottovalutati, anche i rimedi naturali possono intervenire su questi inestetismi cutanei aiutandoci ad eliminare la fastidiosa buccia d’arancia e ritrovando una silhouette armoniosa.

Differenza tra cellulite e ritenzione idrica

La cellulite (pannicolopatia edemo-fibro-sclerotica) consiste in un’alterazione del pannicolo adiposo, ovvero del tessuto sottocutaneo, definito bilancio calorico, che diminuendo induce la lipolisi, riduzione della riserva adiposa, al contrario, aumentando induce la liposintesi, depositando grassi. La cellulite, sostanzialmente, rappresenta un’ipertrofia delle cellule con relativo accumulo di tossine e liquidi negli spazi interstiziali.

In base all’età e allo stadio di avanzamento, è possibile individuare tre tipologie di cellulite:

  • edematosa: evidente ritenzione idrica dalla vita in giù;
  • fibrosa: indurimento dell’adipe e noduli palpabili;
  • sclerotica: tessuto duro, dolorante al tatto con noduli di grandi dimensioni.

La ritenzione idrica, invece, rappresenta un eccessivo ristagno di liquidi all’interno dell’organismo, soprattutto nella zona delle cosce, dei glutei e dei fianchi. E’ un fenomeno che colpisce milioni di donne e dipende da una serie di cattive abitudini alimentari, dalla vita sedentaria e da un rallentamento del sistema circolatorio linfatico e venoso. Se sottovalutata, la ritenzione idrica rappresenta l’anticamera della cellulite.

Che sia cellulite o ritenzione idrica, l’aspetto della pelle non cambia. Il classico inestetismo della pelle a buccia d’arancia è dovuto proprio al ristagno dei liquidi e, nei casi più gravi, dai noduli di adipe, quindi, anche se non gravità e aspetto estetico diverso, la manifestazione tipica porta ad una pelle “spugnosa” che può caratterizzare anche fisici molto magri.

Cellulite

Le cause della cellulite e le terapie classiche

Le cause possono essere di natura diversa, così diversa al punto che gioca un ruolo fondamentale anche la razza, il sesso e la predisposizione genetica.

E’ la linfa la principale responsabile per la rimozione di liquidi e tossine ma, a differenza del sistema circolatorio, i vasi linfatici vengono stimolati dalla contrazione muscolare quindi, in mancanza di movimento, la circolazione linfatica si rallenta determinando un ristagno di liquidi e adipe. La ritenzione idrica, invece, è basata sull’azione degli estrogeni che causano sofferenza circolatoria ed è per questo che, nella fase premestruale, si tende ad avere un maggior accumulo di liquidi.

Oltre alla spiegazione biologica, le cause comportamentali vanno rintracciate nelle abitudini quotidiane: stile di vita e alimentazione. Stress, fumo, cattiva alimentazione, indumenti troppo stretti e tacchi alti possono compromettere gravemente il sistema venoso e quello linfatico al punto di condurre all’insorgere della cellulite.

Sono diversi i comportanti sani da assumere per prevenire la cellulite:

  • alimentazione equilibrata;
  • almeno 2L di acqua al giorno;
  • attività fisica;
  • ridurre o eliminare alcool e fumo;
  • allontanare lo stress.

In abbinamento a questi comportamenti consigliati, è possibile associare quelle che sono le tecniche tradizionali cosmetiche.

E’ buona abitudine sottoporsi, con cadenza settimanale, a un massaggio mirato alla circolazione e al drenaggio linfatico. Applicare quotidianamente creme formulate per contrastare l’insorgere della cellulite. Il mercato dispone di numerosi prodotti, è sempre bene scegliere prodotti di qualità (che non sempre sono quelli che costano di più) realizzati con materie prime di eccellenza, preferibilmente biologici e con principi attivi molto permeabili con l’obiettivo di raggiungere il pannicolo riposo in profondità. Inoltre, è possibile sottoporsi a trattamenti meccanici non invasivi come la pressoterapia, che sostanzialmente riproduce il massaggio linfatico, o i macchinari ad uso estetico che riproducono il massaggio connettivale permettendo una maggiore ossigenazione del sottocutaneo.

La natura ci viene incontro: i rimedi efficaci contro la cellulite

Negli ultimi anni si parla di “bellezza dentro e fuori”, si tratta di un concetto molto ampio che spazia dagli aspetti interiori ed emotivi a quelli prettamente estetici. Sicuramente, per stare bene veramente è necessario eliminare o ridurre lo stress, cercare di vivere il più possibile all’aria aperta, a contatto con la natura, e nutrire il nostro corpo con cibi sani.

E’ anche vero, però, che la cellulite è a tutti gli effetti una malattia e come tale va curata. I massaggi, le creme e le buone abitudini alimentari rappresentano i tre pilastri fondamentali, la natura però ci fornisce alcuni principi attivi straordinari che possono intervenire sulla patologia dall’interno e aiutarci a risolverla.

L’Ananas è sicuramente la più conosciuta per il suo potere antinfiammatorio e antiedematoso. Grazie alla bromelina, il gambo di ananas aiuta a riattivare il microcircolo intervenendo soprattutto sulla ritenzione idrica. Ottima per le sue proprietà diuretica è la Pilosella, pianta perenne tipica del nord asiatico che contribuisce a ridurre il gonfiore degli arti inferiori, la ritenzione idrica e la cellulite. La Moringa oleifera, invece, interviene sul ripstino degli equilibri metabolici con effetto lipolitico. Anche il Coleus gioca un ruolo d’attacco grazie alla Forskolina che aumento l’enzima ciclasi attivando la cascata enzimatica che porta all’effetto brucia grassi facilitando l’aumento della massa magra. Infine, non per importanza, l’Ippocastano che interviene sull’insufficienza venosa riattivando il microcircolo e favorendo l’eliminazione della cellulite.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori Informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close